Skip to main content
Cultural Nuances Of The U.S. & Italy

Le strategie di Leadership

Le strategie di leadership che andremo ad analizzare si riferiscono alla capacità di una persona di guidare con autorevolezza un gruppo di cui è responsabile, acquisendo fiducia e determinando motivazione e produttività nei collaboratori al fine di raggiungere gli obiettivi aziendali. Esaminiamo e confrontiamo tre diverse strategie di leadership aziendale e come possono venire utilizzate per raggiungere il successo: la leadership basata sul valore, la leadership autentica e la leadership positiva.

leadership

La Leadership basata sul valore

Secondo Ospina, Kersh & Alraqhas (2015), la strategia di leadership basata sul valore è realizzabile quando la cultura aziendale mostra una coerenza mirata.  Il progetto, i valori, le strategie, la visione, le ricompense, il riconoscimento, i sistemi e le strategie messi in atto devono essere ben allineati con l’obiettivo aziendale. In questo caso si dà molta attenzione al valore di ogni aspetto organizzativo e per valore si intende ciò che risulta più importante per la collettività o per il singolo individuo all’interno del sistema aziendale. 

Ogni volta che il bisogno individuale è soddisfatto, di conseguenze anche la produttività della persona incrementa. Questo tipo di leadership si esplica in aziende che promuovono il valore in considerazione degli interessi personali degli individui che sono all’interno dell’organizzazione stessa. Quindi grande attenzione per gli azionisti, per i profitti e per le esigenze dei lavoratori in conformità alla cultura aziendale, in tal modo anche le eventuali crisi saranno affrontate in modo appropriato. Il metodo della leadership di valore mira ad abbracciare le diversità e le identità individuali e al tempo stesso convogliarle verso un traguardo di successo generale. A tal fine i leader si impegnano a semplificare le situazioni complesse e i dati contrastanti, fornendo chiarezza e trasparenza.

 

La Leadership autentica

Una leadership autentica si basa sulla creazione e sulla crescita di un rapporto onesto e costruttivo tra la direzione e i dipendenti e si verifica quando i leader mostrano caratteri di integrità, onestà e impegno; diventano affidabili e vengono emulati e rispettati dai subordinati (Leroy, Anseel, Gardner & Sels, 2015). La leadership autentica è costruita sul principio che i leader apprezzino i loro collaboratori e stabiliscano misure flessibili per l’organizzazione al fine di migliorare le capacità di ciascuno e raggiungere gli obiettivi prefissati.

In una leadership autentica, sono i leader a disegnare strategie, a stabilire obiettivi aziendali, a prendere decisioni, istruire e guidare i collaboratori verso il successo. In questa forma di leadership, il potere è dei leader. I dipendenti si devono rimettere alle direttive manageriali e hanno poca voce in capitolo nelle dinamiche aziendali. Tuttavia, per mantenere l’equilibrio e l’efficacia di questo delicato sistema, i leader devono essere all’altezza delle decisioni, abili a risolvere problemi e capaci di mostrarsi disponibili all’ascolto con pazienza e modestia.

analyzing leadership concepts

La Leadership positiva

La leadership positiva utilizza metodi teorici e scientifici per misurare il successo e i fallimenti dell’azienda. La leadership capitalizza sull’identificazione dei risultati effettivi dell’organizzazione, non ci si accontenta di risultati positivi ma si mira oltre. (Cameron, 2013).  La strategia di leadership positiva si allinea con gli obiettivi aziendali per garantire prestazioni elevate in tutti i reparti dell’organizzazione. Si tende a guidare la collettività verso un unico obiettivo condiviso per il quale sono essenziali qualità di autenticità e integrità.

I traguardi prefissati rappresentano il fattore trainante in questo stile di leadership. Anche se ogni individuo ha il suo scopo, la società ha uno scopo più grande, con tale filosofia i leader possono prendere le decisioni giuste. Questa strategia è certamente più collaborativa e vige il concetto che anche i leader possano imparare dai loro subordinati. Cameron (2013) afferma che la leadership positiva si preoccupa maggiormente per le situazioni che possono evolvere dai suoi collaboratori piuttosto che per il loro contributo.

L’azienda in questa ottica cerca di individuare le potenzialità di un lavoratore in cui poter investire  per ottenere risultati migliori e a questo scopo la direzione effettua una valutazione regolare e un monitoraggio costante dei dipendenti. La strategia mira a lanciare sempre nuove sfide ai lavoratori e a capitalizzare i loro punti di forza. Viene anche incoraggiato il lavoro di squadra perché la forza e la specialità individuale possano accrescere attraverso la collaborazione. 

 

di Severino Ricci

(traduzione dall’inglese a cura di Désirèe Coata)

 

Articoli che potrebbero interessarvi:

Non ci sono ancora commenti!

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.