Skip to main content
Cultural Nuances Of The U.S. & Italy

Itinerari di bellezza raggiungibile: Cremona

Cremona è una bellissima città che puoi percorrere a piedi nel suo splendido centro storico in una sola giornata. Tutte le strade confluiscono in piazza del Comune, tra le più scenografiche d’Italia, la vera anima della città che ci riporta indietro nel tempo con il suo impianto medievale dove convivono edifici civili e religiosi.

Cremona è simpaticamente appellata città delle 3 T per via del suo Torrazzo, uno dei campanili più alti del mondo, del Torrone, dolce tipico nato qui nel ‘400 e, qualcuno sostiene, per le Te**e  generose delle cremonesi. Ma più probabilmente la terza T si riferisce al grande attore Ugo Tognazzi originario proprio di Cremona.

Cremona è il paradiso dei liutai, qui vengono costruiti i migliori violini del mondo. Infatti, è possibile visitare le botteghe storiche dove quest’antica forma di artigianato è ancora attiva e si tramanda da secoli.

Ma Cremona è anche una meta golosa per buongustai; le osterie dove mangiare i tipici marubini o i bolliti misti sono tantissime, così come le botteghe storiche di marchi rinomati come Sperlari.

Insomma, una città che racchiude in sé tantissime eccellenze e che merita di essere vissuta e camminata almeno per un week end.

Cremona, il Torrazzo e il Duomo
Il Torrazzo e la Cattedrale di Cremona

Scopriamo la città a piedi passeggiando tra le sue bellezze. Ecco cosa non perdere durante una visita a Cremona:

1 – Il Torrazzo, simbolo di Cremona

Il Torrazzo è la torre campanaria in pietra più alta d’Europa e per arrivare in cima ai suoi 112 m e godere di un panorama mozzafiato bisogna conquistarsi ben 500 scalini. L’orologio astronomico incastonato ha un diametro di 8,5 m (2 m in più del famoso Big Ben londinese). Nella sfera dorata sulla sommità del torrazzo pare siano conservate delle reliquie tra le quali un pezzo della croce di Gesù.

Per saperne di più su questo vero e proprio Museo Verticale cliccate qui.

2 – La Cattedrale e il Battistero

La facciata del duomo, dedicato a Santa Maria Assunta, in marmo bianco di Carrara e rosso di Verona domina la piazza in un trionfo di stile romanico arricchito da elementi gotici e barocchi, con due leoni all’ingresso sempre molto fotografati dai turisti. L’interno regala un ciclo di affreschi che incanta e ne vale l’appellativo di “Cappella Sistina della Pianura Padana”. C’è una grande cripta d’epoca romanica, dove è conservata l’Arca dei Santi Marcellino e Pietro.

Il Battistero di San Giovanni Battista ha un’interessante costruzione ottagonale (il numero 8 simboleggiava l’eternità) con una cupola innovativa che anticipava di quasi due secoli quella del Brunelleschi a Firenze.

3 – Il Palazzo del Comune e la Loggia dei Militi

Il Palazzo del Comune risale al 1206 e il rosso dei suoi mattoni che contrasta con la facciata del duomo, è davvero uno spettacolo per la vista. Vi sono conservati alcune importanti opere provenienti da chiese cittadine demolite. L’edificio a fianco con il porticato è la Loggia dei Militi, così chiamato perché era luogo destinato alle riunioni dei comandanti delle Milizie cittadine.

Cremona, Palazzo del Comune, cosa vedere a piedi in città
Il Palazzo del Comune a Cremona

4 -Il Museo del Violino

Cremona è la patria dei violini, una tradizione secolare che viene ben riassunta e rappresentata nel Museo del Violino a Palazzo dell’Arte in piazza Marconi, facilmente raggiungibile a piedi dalla piazza del Comune. Qui si può apprezzare da vicino una collezione espressione della miglior liuteria mondiale, la ricostruzione di una bottega dove vedere all’opera un liutaio e ascoltare uno stradivari dal vivo nel grande auditorium. Inoltre, il giardino nella piazza antistante è spesso popolato da giovani violinisti che suonano o fanno pratica regalando un sottofondo suggestivo.

5 – Le Botteghe dei Liutai a Cremona

Un’esperienza che si può fare solo a Cremona è certamente visitare una o più botteghe dei liutai per vedere da vicino la maestria nel creare uno strumento ad arco. Considerate che il saper fare liutario è Patrimonio Immateriale dell’UNESCO dal 2012. Un tuffo nel passato e nella tradizione artigiana eccelsa di un mestiere che non deve andar perduto, vanto italiano nel mondo.

Botteghe dei liutai a Cremona
Liuteria storica a Cremona

6 – La Casa di Stradivari

Percorrendo a piedi Cremona lungo corso Garibaldi, potete facilmente individuare una stretta casa a due piani che fu bottega e abitazione di Antonio Stradivari dopo le nozze con Francesca Ferraboschi nel 1667. Qui il maestro costruì i suoi più pregiati strumenti a corda che lo resero il più straordinario liutaio di tutti i tempi.

Cliccate qui per saperne di più su Antonio Stradivari.

7 – Palazzo Trecchi

Col suo colore vermiglio e il porticato interno ipnotico, Palazzo Trecchi non passa certo inosservato durante una visita a piedi di Cremona. Risale al 1496 e fu costruito come residenza del Marchese Trecchi. Negli anni però ha ospitato personaggi illustri come Federico Gonzaga, Giuseppe Garibaldi e Re Vittorio Emanuele III. Oggi è sede congressuale, luogo per esposizioni e per organizzazione di eventi.

8 – Monastero di San Sigismondo

Per raggiungere questo capolavoro bisogna allontanarsi un poco dal centro storico. Senza restar delusi dall’esterno molto semplice, entrando all’interno della chiesa si può ammirare un celestiale ciclo pittorico tra i più belli del Manierismo Lombardo. Proprio in questo luogo, circa 200 anni prima della costruzione della Chiesa, avvenne uno dei matrimoni più famosi della storia. Francesco Sforza e Bianca Maria Visconti, unica erede al trono del ducato di Milano, si sposarono e generarono la dinastia degli Sforza.

9 – Il Museo Civico Ala Ponzone

Un museo nel quale sono conservate circa 2000 opere che danno una panoramica della pittura lombarda e cremonese all’interno di un susseguirsi di sale molto suggestive.

10 – La Chiesa di Sant’Agata

La chiesa originaria sorse nell’anno 1000 ma poi venne completamente modificata in stile neoclassico con una facciata a tempio greco con colonne e pronao.

Chiesa di Sant'Agata a Cremona
La Chiesa di Sant’Agata a Cremona

11 – Le Botteghe Storiche

A Cremona vale la pena appuntarsi, non solo musei e monumenti, ma anche i negozi storici che bisogna visitare assolutamente per cogliere l’essenza della tradizione cremonese.

La bottega storica della Sperlari si trova al civico 25 di via Solferino; è un tripudio di confezioni di mostarda, torrone di vario tipo, barattoli di cotognata  e caramelle coloratissime dove si respira l’atmosfera di un’antica drogheria.

A pochi passi, nella stessa via, c’è la Pasticceria Lanfranchi dove si può assaggiare il Pan di Cremona, di cui detiene il brevetto. Bellissime anche la Pasticceria Duomo direttamente in piazza e la Pasticceria Ebbli, in via Cavallotti, tutta arredata in stile liberty.

11 – Il Cibo Tipico di Cremona

E dopo aver esplorato Cremona a piedi ed essere saliti naturalmente sul Torrazzo, non resta che fermarsi e scegliere tra le tante osterie storiche dove poter apprezzare il buon cibo cremonese

Trattoria Cerri, Hosteria 700 e Osteria Bissone sono solo alcuni esempi di locali dove gustare Salame di Cremona IGP, il Grana Padano e altri formaggi come il Salva Cremasco DOP, i classici Marubini in brodo (una sorta di cappelletti con un ripieno di brasato, salame, grana e noce moscata) e naturalmente la degustazione di Bolliti Misti accompagnati dall’immancabile Mostarda.

 

di Désirée Coata

 

Un consiglio speciale: consultate Sentieripertutti e i suoi itinerari di bellezza raggiungibile a piedi in tutta Italia!

Articoli che potrebbero interessarvi:

Non ci sono ancora commenti!

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.