Skip to main content
Cultural Nuances Of The U.S. & Italy

Stefano McCoy, un orgoglioso italo americano

Le radici italiane di un giovane italo americano. Stefano ci racconta come si sono casualmente incontrati i suoi genitori, ricordi che vuole mantenere vivi e di cui è orgoglioso. Anche lui, come noi, ama parlare delle sfumature culturali tra Italia e Stati Uniti.

Stefano in vespa

Stefano ci racconta le sue radici italiane

Era la calda estate del 1979 quando mio padre faceva visita a sua sorella in Svizzera. Durante quel viaggio oltreoceano decise di trascorrere un po’ di tempo in Italia attratto, come tanti americani, dalla sua storia e dall’arte. Camminava lungo una strada chiamata Aurelia quando, inaspettatamente, un uomo che passava di lì a bordo di una vespa gli offrì un passaggio. Mio padre esitò. Si trovava in un paese straniero, in mezzo al nulla, e per giunta gli avevano detto che gli italiani erano un po’ pazzerelli. Ma quel passaggio casuale si rivelò fondamentale per il suo ed il mio futuro. A bordo di quella vespa arrivò al ristorante di mia madre in un piccolo paese sulla riviera ligure chiamato Sori.

I due si conobbero e scattò qualcosa che li tenne legati per tantissimi anni anche se ciascuno di loro continuò la sua vita in Italia e in America. Poi un giorno mia madre andò in California a trovare mio padre in seguito ad un terribile terremoto che aveva devastato la regione. Di lì a poco concretizzarono un sogno rimandato da troppo tempo. Si sposarono il giorno di San Valentino e nove mesi dopo venni alla luce io a Santa Clara, in California.

Che cosa significa essere italo americano per te?

Crescevo e ogni anno trascorrevo lunghi periodi estivi in Italia. Ho ricordi bellissimi della mia scapestrata adolescenza in un paesino del Piemonte. Avevo tanti amici, si andava in giro per le vie del paese con gli scooter, ci si divertiva, si beveva, si fumava e si sperimentava. C’era un gran senso di libertà! Ho anche trascorso gran parte delle mie estati a Genova. Scorrazzavo per i vicoli antichi mangiando focaccia e il mio italiano si arricchiva sempre più dell’accento genovese e di modi di dire dialettali. Durante un mio recente viaggio in Italia, qualcuno mi ha detto che sembravo un pescatore ligure! Chissà se era un complimento oppure o no.

Stefano McCoy italo americano

L’amore per l’Italia

Otto anni fa i miei genitori hanno divorziato e fu in quell’occasione disarmante che iniziò il mio periodo più lungo in Italia, un anno intero. Il cambiamento radicale, non nascondo, mi spaventava molto. Conoscevo bene le mie origini, ma al di là dei miei divertimenti estivi, non sapevo nulla dell’Italia. Cambiare paese e abitudini per così lungo tempo inizialmente mi inquietava. Invece, l’esperienza italiana si è rivelata davvero incredibilmente formativa e preziosa. Posso affermare di aver consolidato le mie radici italiane proprio in quel periodo, mi sono immerso totalmente nella cultura europea ed è stato totalizzante. Ho fatto amicizie importanti, mi sono legato affettivamente a molte persone e naturalmente ho imparato a parlare più fluentemente l’italiano. Insomma, ho sviluppato un vero amore per l’Italia!

La vita a volte spalanca varchi che fanno conoscere e apprezzare meglio le proprie radici ed io sono grato che questo sia successo. Oggi che ho trent’anni, purtroppo trovo sempre più difficoltoso trascorrere lunghi periodi di tempo in Italia. Ma il mio scopo è trovare un equilibrio professionale che mi consenta di poter mantenere un costante e profondo legame con tutta una parte del mio mondo che sta in Italia.

logo dei podcast di Stefano McCoy

Le passioni di un italo americano

Una delle mie più grandi passioni è sicuramente il surf. Crescendo a Genova, ho sviluppato una profonda attrazione per il mare che mi ha accompagnato per tutta la vita. Non perdo mai occasione per surfare. Cavalcare le onde con energia è come affrontare la vita con ottimismo! A volte, le onde mi spingono giù, sul fondo, come fanno le avversità,  ma poi torno sulla mia tavola da surf e con determinazione riesco a dominarle.

Sono anche appassionato di cucina, fotografia, musica e fitness. Sono orgoglioso di essere per metà italiano e mi piace parlare del legame tra Italia e Stati Uniti. Infatti, ho creato  “Made in Italy Podcast” disponibile sul web. La mia idea è quella di far conoscere le persone e le loro esperienze e capacità, l’amore per l’avventura, la generosità e l’acume degli affari. I miei podcast possono essere di ispirazione, specialmente per i giovani in tutto il mondo.

di Severino Ricci

Un nostro articolo che potrebbe interessarti : Stefano Esposito sull’onda del successo al di fuori dell’oceano

 

Non ci sono ancora commenti!

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.