Skip to main content
Cultural Nuances Of The U.S. & Italy

Il potere del “Sì” e la forza del “No”

Un viaggio verso la crescita personale

Imparare a dire “no” ti consente di dire i giusti “sì” alle opportunità della vita. Ecco tre consigli per stare meglio.

Capita spesso di andare nel cosiddetto overthinking (*)  e non sapere che pesci pigliare. Mi spiego meglio: un amico, un parente, un collega vi propongono di aiutarli o collaborare in qualcosa di nuovo, ma la vostra quotidianità è già piena zeppa di cose da fare. Fin qui, è una situazione che ci può stare. La maggior parte delle volte, però, facciamo fatica a dire “no” e rispondiamo “sì” solo per non ferire chi abbiamo davanti. È una cosa su cui siamo passati tutti, in un modo o nell’altro.

L’overthinking è il pensare troppo, avere tremila pensieri in testa e non riuscire a togliere le cose non essenziali dalla nostra vita. Perché in fondo il punto è proprio quello: non riuscirai mai ad arrivare a tutto. Perciò, inizia col fare l’essenziale e vedrai che rimarranno solo le cose che ti fanno stare bene (e di cui hai veramente bisogno).

Attenzione, non fraintendetemi: dire sì a nuove opportunità, incontri ed esperienze rappresenta un passo avanti nel percorso di crescita personale. Ma se ci limitiamo a dire sempre “sì” alle persone che fanno parte della nostra quotidianità, rischiamo di vivere secondo le loro regole. Non riusciremo mai a diventare chi siamo destinati a essere, non realizzeremo il nostro potenziale umano, né seguiremo mai la nostra strada. Vuoi davvero che la tua vita diventi una recita?

Overthinking
Il potere del “Sì” e la forza del “No”

Ecco tre consigli per imparare a dire “no”

  1. Quando qualcuno cerca di scaricare su di te le sue responsabilità. Stai alla larga da queste persone. Sono quelle che trovano sempre il modo di sfruttarti e gettare la loro frustrazione su di te.
  2. Quando tutti si aspettano che tu dica sì. “Solo perché una cosa è giusta per tutti, non è detto che sia giusta anche per te.” Ricorda bene queste parole, ripetile come un mantra. È giusto fare qualcosa solo perché è giusto per altri?
  3. Perché lo stai facendo? Potrebbe capitarti di guardarti allo specchio e chiederti: “Perché lo stai facendo?” Invece di rispondere “perché sì”, cerca un motivo valido. Se non riesci a trovarlo, è giusto dire di no. A una vita che ti deprime, a un rapporto tossico, a un lavoro che ti opprime e ti cambia l’umore. A volte, tutto ciò che serve per innescare la tua rivoluzione personale è un “no” al momento giusto.

Non sei Superman

Non abbiamo abbastanza energie e tempo per fare tutto ciò che vorremmo o che gli altri vorrebbero che facessimo. Anche per questo è necessario imparare a dire di no. I “no” non sono limiti al tuo potenziale umano, ma la tua opportunità migliore per realizzarlo. Infatti, solo quando riesci a dire certi “no” sei in grado di dire i giusti “sì”.

– Sì alle persone che ti meritano.

– Sì alle opportunità che ti fanno brillare gli occhi.

– Sì ai sogni che non avevi più il coraggio di inseguire.

– Sì alla tua felicità.

Overthinking
Il potere del “Sì” e la forza del “No”

Imparare a dire di no può essere difficile, ma è un passo fondamentale per vivere una vita autentica e soddisfacente.

di Valerio Novara

*Il concetto di “overthinking”, termine inglese, descrive un incessante flusso di pensieri privi di coerenza logica che si intrecciano ripetutamente, occupando la mente e affaticando il corpo. Questo fenomeno genera notevole stress, ansia e rende difficile mantenere la concentrazione.

 

Articoli che potrebbero interessarvi:

Gli Ingredienti per il successo ed il Ruolo dei Social Media

Lo scopriremo solo vivendo, con Mogol

Judo e Logistica: Il Viaggio di Federico tra Passione e Professione

 

Non ci sono ancora commenti!

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

L'OCEANO DENTRO. Viaggi dell'Anima e della Vita
Acquista ora
POINT BREAK: Ti porto in California
Acquista ora
Peli fa surf
Acquista ora