Skip to main content
Cultural Nuances Of The U.S. & Italy
Slade Prestwich, giovane surfista professionista
Slade Prestwich, giovane surfista professionista

Slade Prestwich, giovane straordinario surfista professionista

Slade Prestwich è uno straordinario giovane surfista professionista che ho avuto l’opportunità di incontrare recentemente, durante la conferenza stampa annuale dedicata al surf.

Scottburgh, villaggio paradiso del surf

Slade è nato il 24 febbraio 1995 a Durban, in Sudafrica. E’ cresciuto in un umile famiglia con sua madre e due fratelli nel piccolo villaggio di Scottburgh, 65 km a sud di Durban. Il villaggio e la costa circostante sono famosi nella comunità del surf per la qualità delle onde. Qui giungono i migliori surfisti da tutto il mondo perché si creano le condizioni giuste per onde perfette. Non stupisce che Slade sia diventato un professionista del surf.

Slade Prestwich, giovane surfista professionista

Un’adolescenza di successi

Fin dall’infanzia, Slade ha eccelso in diversi sport, tra i quali atletica, nuoto, calcio, rugby, cricket e naturalmente il surf. Ha anche stabilito diversi record interscolastici nel nuoto e nella corsa. All’età di 10 anni, Slade ha deciso di continuare la sua carriera nel surf professionale. Ha partecipato a diversi concorsi di surf club locali in Sud Africa e nei dintorni e ha ricevuto la sua prima sponsorizzazione con Quiksilver all’età di 12 anni, evento che lo ha motivato a lavorare di più e ad eccellere in diversi eventi locali. A 14 anni, Slade ha partecipato al World Surfing Game della International Surfing Association (ISA) e ha rappresentato il Sudafrica nella divisione under-16.

La sua fama oltre confine

La sua prima esperienza internazionale in Ecuador gli ha dato la spinta necessaria per affermarsi ancor più nel surf e migliorare le sue performance. Ha vinto il campionato Under 16 Billabong e il Quiksilver King della serie Groms. La serie Groms si è tenuta in Francia e ha dato a Slade un’altra opportunità per competere con i migliori surfisti del mondo. Con dedizione passione è riuscito a vincere la medaglia di bronzo attirando l’attenzione su di sè per diverse sponsorizzazioni di marchi internazionali.

All’età di 18 anni, Slade ha vinto l’evento Volcom VQS in Sud Africa che gli ha fornito l’occasione d’oro per rappresentare il suo paese nelle finali mondiali delle Figi. Non sorprende che sia stato il vincitore del Campionato del Mondo under 18. Da allora ha partecipato a vari eventi di surf professionistici globali, tra cui il Corona Open e il Jefferey’s Bay World Championship e ha sponsorizzato marchi mondiali di bevande sportive come Red Bull.

Diventare Team Rider, il suo più grande desiderio

Slade è un surfista professionista formidabile ma pensa che diventare un Team Rider sia la cosa più importante. Un atleta di squadra contribuisce con le sue prestazioni al successo personale, ma soprattutto a quello dell’intero team, promuovendo in questo modo il valore del gruppo.

Slade crede che  la massima prestanza individuale e il talento di ciascun atleta possano esprimersi al meglio all’interno di una squadra affiatata. In questo modo si possono raggiungere risultati incredibili.

L’obiettivo attuale di Slade nel surf è quello di unirsi permanentemente ai ranghi del World Championship Tour e competere nei prossimi giochi olimpici.  Determinazione e passione sono le sue forze trainanti ogni giorno che gli permettono di superare sempre più i suoi limiti per intraprendere nuove sfide.

Slade Prestwich campione di surf

“Un trofeo prende polvere, i ricordi durano per sempre”

Slade Prestwich è ormai un surfista professionista di grande fama, ha parlato anche del suo interesse crescente a sperimentare nuove realtà. E’ propenso a fare pubblicità sui social media, partecipare a eventi di surf internazionali, promuovere l’etica dei valori delle aziende e fare servizi fotografici.

Il suo lavoro di atleta professionista e le varie collaborazioni internazionali lo hanno portato a viaggiare in oltre 40 paesi. Attualmente risiede tra il Sudafrica e la Svizzera, ma trascorre  molto tempo in Giappone per i suoi impegni di sponsorizzazione. Viaggiare ed essere impegnato su più fronti, dice, lo aiuta ad acquisire nuove esperienze e ad arricchirsi di idee e stimoli.  

Il suo motto di vita “Un trofeo prende polvere, i ricordi durano per sempre“. Vincere le gare è meno importante che acquisire esperienze, solo vivendo appieno e avendone memoria, si raggiunge la versione migliore di sè.

Non ci sono ancora commenti!

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.